La nostra formazione per essere sempre in forma, a ogni tavolo

Sappiamo bene che la formazione è diventata fondamentale in ogni ambito sia professionale che non. Cambiano le regole e gli scenari, cambiano le minacce e le soluzioni. E per affrontare tutto questo mondo così liquido bisogna essere costantemente preparati, in grado di sostenere ogni confronto con i mezzi e le conoscenze più attuali, con le tecniche di negoziazione più affinate, con competenza e linguaggio puntuale.
Essere rappresentanti sindacali vuol dire sedersi a tavoli di lavoro con professionisti esperti, con controparti preparate, a cui è necessario contrappore le nostre persone, donne e uomini, qualificati, pronti, capaci e determinati, solidi nelle richieste perché saldi sulle materie oggetto del confronto. Non basta più la passione civile, o meglio serve se è sostenuta da quel bagaglio di conoscenze, competenze ed abilità individuali e collettive, che possano permettere ai nostri sindacalisti di affrontare e gestire le trasformazioni che negli ultimi anni hanno travolto il mondo del lavoro ed, in generale, tutta la società tutta. Per questo abbiamo sviluppato un nuovo modello di formazione, che nasce attorno ad un progetto “formazione sindacale” e che prevede la messa a sistema di attività formative in modalità e-learning. Riconoscendo l’importanza e il valore che da sempre hanno rivestito, e continuano a rivestire, altre modalità di erogazione dell’attività formativa, ad iniziare dalla classica face to face, la scelta dell’e-learning acquista un significato che va oltre la contrapposizione a questi metodi, di cui intende superare le difficoltà che oggi la situazione emergenziale rendono insormontabili, ponendosi come obiettivo l’ampliamento del bacino di utenza, prefissandosi così di portare la formazione a un numero decisamente maggiore di persone. La diffusione di massa di nuove tecnologie ha profondamente cambiato il modo di apprendere informazioni e di questo non possiamo non prenderne atto, a maggior ragione dal momento in cui, come Sindacato a rete, stiamo affrontando questo periodo di rinnovazione e cambiamento. Le potenzialità dello sviluppo di una proposta formativa in modalità e-learning sono molteplici: significa rendere disponibile a tutti le informazioni e la formazione in ogni luogo e in qualsiasi momento, superando le barriere spazio/temporali, favorendo l’interattività grazie ad esercizi e simulazioni; significa consentire l’erogazione di input e di conoscenze adeguate e calibrate in base ai vari livelli di ricezione e, soprattutto, significa permettere il costante e continuo aggiornamento delle conoscenze, che diventa fondamentale in un contesto in continuo e costante mutamento, come quello attuale. La piattaforma “Formazione UIL” è strutturata con un obiettivo: quello di rendere semplice, rapido ed intuitivo l’accesso ai contenuti formativi, tanto da pc fisso quanto da mobile. L’interfaccia propone quattro macro-aree, precedute da una sezione introduttiva. La scelta delle quattro aree è stata fatta con lo scopo di costruire un percorso formativo in grado di dare una base solida su cui costruire conoscenze verticali specialistiche. Le 4 macro-aree sono dedicate a: -ORGANIZZAZIONE SINDACALE Capire come funziona la macchina sindacale, per utilizzarla in tutta la sua potenza, canalizzando forze e capacità. -LAVORO E DIRITTI Conoscere il lavoro, perché quando i doveri sono scontati, devono esserlo anche i diritti. -APPROFONDIMENTI Conoscere nel dettaglio progetti, iniziative, sistemi alla base della vita del Sindacato permettendo di entrare nel vivo degli argomenti che diventano veri e propri strumenti di lavoro. -PILLOLE FORMATIVE Aumentare le competenze di tutti per lavorare al meglio nelle proprie strutture consente a tutti di incrementare gli standard personali e la qualità dei servizi alle lavoratrici, lavoratori e pensionati. La nostra formazione è aperta a tutti, anche a chi vuole vivere il sindacato in modo più consapevole e diretto, per poter partecipare alle sue scelte e alle sue decisioni, sentendosi parte di una moltitudine e non un ingranaggio. Perché in Uil non c’è nulla di meccanico.